L’Orchestra Senzaspine porta in scena la Petite Messe Solennelle: che brividi e che emozione!

La Petite Messe Solenelle, uno dei capolavori indiscussi di Rossini eseguita in modo sublime dall’Orchestra Senzaspine, ha emozionato il pubblico del teatro Auditorium Manzoni.

La Petite Messe Solenelle, uno dei capolavori indiscussi di Rossini eseguita in modo sublime dall’Orchestra Senzaspine, ha emozionato il pubblico del teatro Auditorium Manzoni.

Ve l’avevamo anticipato e ora possiamo confermarvelo, valeva davvero la pena passare il lunedì sera a teatro per ascoltare l’Orchestra Senzaspine. Insieme ai musicisti, sul palco, anche il rinomato e bravissimo Coro del Teatro Comunale di Bologna, la soprano Sandra Pastrana, la mezzosoprano Cristina Mesil, il tenore Alessandro Liberatore ed il basso Federico Benettti.

La direzione del maestro e co-fondatore dell’Orchestra Matteo Parmeggiani è stata come sempre impeccabile e coinvolgente.
Dopo l’esilarante, divertente e un po’ hipster Barbiere di Siviglia, arriva il momento del sacro con questa piccola messa solenne, scritta da Rossini 5 anni prima della sua morte, quasi come cercasse un lasciapassare per il paradiso (lui, sempre molto gaudente e vivace).
Questa giovane orchestra, che abbraccia vari tipi di musica, questa volta ci ha commossi, emozionati ed a tratti anche fatto venire la pelle d’oca con un’opera prettamente musicale, libera da scenografie o danze. Quando si dice che la musica riesce a toccare le corde più intime ed emozionali di ognuno di noi, nel caso dell’Orchestra Senzaspine, è davvero possibile.
Aspettiamo il 27 e 28 dicembre per entusiarmarci nuovamente con BOLLICINE al Teatro Duse.

Translate

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: