2° giorno ancora Tutto Molto Bello – fotogalleria

Dopo un venerdì sera inebriante il sabato si comincia dal pomeriggio coi tornei di calcetto e dalle 18 anche con la musica. Tutto Molto Bello, secondo giorno.

A partire dalle 13 si comincia a giocare nei campetti del DLF per il torneo tra etichette indipendenti ed addetti ai lavori nella musica. Chissà chi vincerà il torneo di questa edizione. La squadra da battere è il collettivo HMCF che ha vinto nel 2018, mentre le altre edizioni hanno visto queste squadre aggiudicarsi il premio: Primavera Sound nel 2017, La Fabbrica nel 2016, Promoter All Stars nel 2015, Unhip nel 2014, Bomba Dischi nel 2013, Trovarobato nel 2012 e 42records nel 2011.

La situazione è molto tranquilla, il fair play la fa da padrona sui campi ma l’agonismo non manca come dimostrano le indicazioni urlate a gran voce da Albi, bassista de Lo Stato Sociale e portiere per la squadra di Garrincha Dischi che ha passato la fase a gironi per differenza reti.

Mentre le squadre continuano a giocare e a segnare, a dar loro le spalle e salire sul Pizzul Stage, tocca ad Andrea Lazslo De Simone. Sono le 18, il sole e ancora alto e caldo, ma crediamo non sia l’unico motivo per cui l’artista torinese si presenta a torso nudo sul palco. Con quel suo stile molto Frank Zappa, in bilico tra gli anni ’70 e l’indie dei nostri giorni, regala un concerto di altissimo livello al pubblico raccolto sotto il palco. Anche Eugenio – per il momento senza Via di Gioia – canta a gran voce alcuni pezzi. Musicalmente originale come pochi e con testi che riescono a lasciare il segno negli ascoltatori, Andrea Lazslo de Simone è di certo uno dei musicisti più interessanti in circolazione.

Nel frattempo ci lasciamo incuriosire dalla raccolta di figurine del torneo, e potete immaginare la nostra gioia nell’incontrare “il vip”, quello della figurina! I Cara Calma al gran completo ci raccontano però di aver perso tutte le partite, e noi sappiamo che la causa è l’assenza di Bacco!

La festa si sposta all’interno dell’Arena Puccini dove Cesare Petulicchio e Adriano Viterbini danno spettacolo come solo loro sanno fare. I Bud Spencer Blues Explosion ci fanno l’immenso regalo di celebrare insieme a noi i loro primi 10 anni di carriera.

Senza nemmeno il tempo del cambio di palco si cambia completamente genere. Il gruppo che più di tutti rappresenta la scena rap in Italia è pronto a far saltare la platea. 25 anni di carriera non hanno scalfito l’energia del Colle Der Fomento che fa impazzire tutti i “massicci” e le “massicce” accorsi sotto palco. Qualche pezzo con la base e poi fa il suo ingresso il campione di Beat Box, bravo a tal punto che a tratti non sai più se sta suonando lui o han rimesso la base. Ma lo show diventa veramente incredibile quando i Bud Spencer Blues Explosion, accompagnati da un bassista per l’occasione, risalgono sul palco a fare dei pezzi insieme alle leggende del rap. Definire epico quello che è successo sul palco da quel momento in poi è riduttivo!

La serata non è ancora finita. Il concerto dentro il Locomotiv era previsto a mezzanotte ma data la lunga coda all’ingresso Emmanuelle comincia solamente all’una. La cantante brasiliana, cresciuta negli USA e ora di casa a Milano è ammaliante con il suo elettro-pop molto in stile anni ’80 o primi ’90. Un finale di serata decisamente sensuale per questa seconda giornata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ed ora di corsa all’ultima giornata con Max Collini, Gregorio Sanchez, Jennifer Gentle, Giovanni Truppi e Giorgio Poi.

Translate

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: