altafelicità

Torna la musica per una buona causa: Alta Felicità 2017

Chi ha già vissuto l’esperienza di questo festival sa che si tratta di un ottimo esempio di condivisione e convivenza. Nato da un’idea del comitato No Tav, Alta Felicità è pronto per aprire le porte alla versione 2017.

Da domani a Venaus, a pochi passi da Torino, un grandissimo numero di persone si preparerà per montare la tenda e prendere parte alle tante attività in programma per la seconda edizione. Non solo musica, ma anche passeggiate nel territorio e incontri con gli artigiani locali, presentazioni letterarie e dibattiti. La formula rimane invariata: un evento completamente gratuito basato sulla condivisione dello spazio e delle idee. I volontari che si sono occupati dai primi anni di questo festival si mobilitano dai primi mesi dell’anno per gestire le attività e costruire un tessuto forte.

Anche per questo luglio il programma prevede un week end lungo: si inizia giovedì 27 con l’arrivo e la predisposizione delle tende nelle due grandissime aree adibite al campeggio. Ma ci vuole poco perché le attività iniziano presto: la musica ad esempio,  quando sul palco saliranno Stato Sociale, Brunori SAS, Dubioza Kolektiv, Tre Allegri Ragazzi Morti…e si, questo è solo il primo giorno, e questi sono solo alcuni dei nomi che potrete sentire. Alta felicità continua sino a domenica 30 con Bandabardò, Omar Pedrini, Africa Unite, Management del dolore post operatorio, Radici nel cemento, Roy Paci & Aretuska, Edda, Kutso…etcetcetc.

Oltre alla musica però anche un fitto programma di eventi culturali che coprirà i tre giorni di venerdì sabato e domenica: Stefano Benni, Corona, Michela Murgia, dibattiti con esperti di ambiente e natura, presentazioni culinarie.  Per chi ama la natura è anche possibile scoprire il territorio con le gite ed escursioni organizzate nelle aree circostanti. Le guide autoctone vi porteranno a scoprire i boschi e gli spazi del cantiere di Val Clarea. Tutti i giorni ci sarà poi il mercatino con diversi prodotti, e per cibarvi non vi preoccupate, è tutto organizzato. Le cucine residenti vi delizieranno con le specialità del luogo: dodici possibilità per eliminare ogni sfizio culinario.

Alta Felicità vi attende con la voglia di condividere un idea e un’esperienza, scoprire uno spazio incredibile e creare una piccola comunità. Dopo il grandissimo successo della prima edizione, prendete parte anche voi ad un bellissimo festival.

Translate

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: