RadioOndaDurto

Agosto con Radio Onda d’Urto: musica bella fess per la cura collettiva

Radio Onda d’Urto resiste sempre e in ogni modo e già dal titolo ci fa capire quali saranno i punti forti dell’edizione 2021.

Torna, dopo lo zompo dell’edizione 2020, la Festa di Radio Onda d’Urto in una versione un po’ diversa. A partire da giovedì 5 agosto, nella storica area di Via Serenissima a Brescia, inizia “Agosto con Radio Onda d’Urto. Un mese di musica, cultura, socialità e cura collettiva.”

Qua trovate i nostri resoconti delle edizioni 201920182017

Pare un manifesto programmatico, socialità e cura collettiva sono due concetti forti affiancati tra loro in questi tempi bui. Abbiamo bisogno uno dell’altro, di prenderci cura degli altri per prenderci cura di noi stessi.

Un evento di autofinanziamento della storica radio antagonista bresciana diverso dalla solita grande festa di Radio Onda d’Urto che abbiamo conosciuto negli anni e che nel 2020 ha subito una battuta d’arresto.

La situazione legata al contenimento della pandemia ha costretto gli organizzatori a scelte difficili: l’ingresso dell’area concerti sarà separata dal resto della festa e con ingressi contingentati, con un numero massimo di 1000 ingressi. Ciò purtroppo significa più costi e meno entrate per la Radio che finanzia le sue attività del resto dell’anno soprattutto attraverso questi eventi estivi.

“Si tratta di un’edizione unica – dicono gli organizzatori – ci auguriamo di poter tornare, già dal prossimo anno, a organizzare la Festa della Radio che tutte e tutti amiamo. Nel frattempo chiediamo grande comprensione e collaborazione da parte di tutte e tutti coloro che verranno: solo insieme possiamo tutelare la salute collettiva, reincontrarci, divertirci in sicurezza e seguendo il principio della cura collettiva.”

Segnalano gli organizzatori che per l’accesso all’area concerti, come da direttive nazionali, sarà necessario il green pass. Il rispetto delle regole serve, oltre che a garantire la sicurezza di tutti, anche per garantire che la festa possa svolgersi fino al 28 agosto e in tal modo preservare la sopravvivenza stessa di Radio Onda d’Urto.Nessuna descrizione della foto disponibile.

Quasi quotidianamente all’interno dell’aera feste di Via Serenissima dibattiti e incontri per parlare di temi importanti, dall’inquinamento al Kurdistan, dalle conseguenze sociali ed economiche del Covid alla Palestina, dal mondo della musica e dei club ai lager libici, dal capitalismo a Genova 2001 e tanto altro, perché se decidete di andare alla Festa di Radio Onda d’Urto la musica è solo il sottofondo della lotta e dell’impegno sociale.

Comunque, oltre alla solita grande offerta culturale, enogastronomica e quant’altro, la festa offre concerti di grande livello, di artisti nazionali, soprattutto per la difficoltà di ospitare artisti da altri paesi. Ma la line-up è di altissimo livello!

  • 9 – MYSS KETA & i DPCM + Lahasna
  • 10 – Omar Pedrini + Superdownhome + Diego Piccinelli
  • 11 – Derozer + Shandon
  • 13 – “No survivors Italian Metal Fest” con Strana Officina + Sabotage + Trick or Treat + Game Over
  • 16 – Claudio Simonetti’s Goblin + The Mugshots
  • 17 – spettacolo teatrale “20 anni – cronache di inizio millennio dal G8 di Genova” di e con Alessio di Modica
  • 18 – Leon Faun + Gaime + Bresh
  • 19 – Lo Stato Sociale + Tonno
  • 20 – Africa Unite + Low B
  • 21 – Motta + Gli animali Notturni
  • 22 – Claver Gold & Murubutu + Inoki & Il V Dan Band
  • 23 – Margherita Vicario + Laila Al Habash
  • 24 – Nitro + Young Miles
  • 25 – I Ministri + Bachi da Pietra
  • 26 – Tre Allegri Ragazzi Morti + Viadellironia + Fulcro
  • 27 – “A Fistful of Rock’n Roll – Wild live show” con The rock’n roll kamikazes + Slick Steve & The Gangsters + Tijuana Horror Club
  • 28 – Rkomi + Colla Zio

Info e biglietti su festaradio.org o direttamente su Mailticket