“Vorrei farti vedere la mia vita” concerto tributo a Claudio Lolli

Vorrei farti vedere la mia vita è un concerto tributo per Claudio Lolli che si svolgerà giovedì 9 e venerdì 10 maggio al Cinema Teatro Galliera di Bologna.

Il 17 agosto dello scorso anno ci ha lasciati Cluadio Lolli. Poeta, compositore, cantautore e docente bolognese, Claudio Lolli ha lasciato dietro di sé un’eredità impressionante che questo evento vuole celebrare.

Da “Aspettando Godot” del 1972, passando per “Ho visto anche degli zingari felici”, per arrivare a “il grande freddo” del 2017, Claudio Lolli ha inciso complessivamente 22 album tra cui varie raccolte e live. Ma non solo, Lolli ha anche scritto svariati libri, sulla musica e sull’impegno sociale.

Il concerto tributo che si terrà giovedì e venerdì sarà un omaggio al cantautore con alcuni dei suoi pezzi più celebri interpretati da grandi artisti della musica contemporanea: Alberto Pietropoli, Andrea Parodi, Barbara Manfredini, Cesare Basile, Danilo Tomasetta, Erica Mou, Felice Del Gaudio, Giulio Casale, Juan Flaco Biondini, Lele Veronesi, Lo Stato Sociale, Luca Carboni, Marco Rovelli, Marina Rei, Mario Manfredini, Milena Mingotti, Paolo Capodacqua, Pasquale Morgante, Pierpaolo Capovilla, Riccardo Sinigallia, Roberto Soldati, Angela Baraldi, Emidio Clementi, Il Parto delle Nuvole Pesanti.

Danilo Tomasetta, direttore artistico delle serate, ci tiene a precisare e ci par giusto sottolinearlo, che tutti i musicisti suoneranno senza percepire alcun cachet, rafforzando il fatto che Claudio Lolli fosse ammirato e stimato da una larghissima schiera di musicisti e cantautori. “Le adesioni entusiastiche di cantanti e musicisti, noti e meno noti, sono già oggi il miglior riconoscimento possibile del valore della musica e delle parole di Claudio e lo spettacolo che stiamo allestendo, dove protagoniste assolute saranno le sue canzoni, porterà la sua arte anche alle orecchie e all’attenzione di chi, per un motivo o per l’altro, finora l’ha trascurata”.

L’incasso, al netto delle spese, sarà devoluto alla Fondazione Claudio Lolli, promossa dalla moglie e dai figli, per mantenere vivi il ricordo e la musica di Claudio.

Danilo ci racconta qualcosa in più sul personaggio di Claudio Lolli. Quello che Lolli può insegnare ancora oggi a chi lo ascolta, a chi lo scopre o lo ha scoperto recentemente. “Claudio può insegnare anzitutto la coerenza rispetto a una linea di condotta che ha sempre evitato compromessi artistici e che la canzone d’autore non è fatta solo di parole romantiche, ma è fatta anche di una forma di impegno sociale, che anche se non è politico, ed ha permesso a varie generazioni di identificarsi in un progetto.”

L’appuntamento lo ricordiamo è per giovedì 9 e venerdì 10 maggio al Teatro Cinema Galliera di via Matteotti, sul sito cinemateatrogalliera trovate altre informazioni relative all’evento.

Oggi, mercoledì 8 maggio alle 16.40 andrà in onda su Radio Città Fujiko, la nostra intervista al direttore artistico dell’evento che potrete ascoltare in podcast da domani qui.

Translate

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: