LRDL Ferrara Sotto le Stelle

La Rappresentante di Lista a Ferrara Sotto le Stelle: un nostro concerto vi cambia la vita

Stasera inizia la XXV° edizione di Ferarra Sotto le Stelle, 5 giorni di grandi concerti. Tra gli artisti anche La Rappresentante di Lista che abbiamo intervistato per voi.

Si apre stasera, mercoledì 30 giugno, la venticinquesima edizione di Ferrara Sotto le Stelle, una rassegna che negli anni ha portato nella città estense artisti eccezionali da tutto il mondo.

Quest’anno la rassegna è più local, con artisti eccellenti del panorama italiano.

Si parte appunto stasera con il primo live a tutti gli effetti di uno degli artisti più interressanti che ha da poco pubblicato un album che possiamo già definire storico per la musica italiana. L’album si intitola IRA e a presentarlo è IOSONOUNCANE.

Ad aprire la serata ci penserà Vieri Cervelli Montel, nome nuovo del panorama italiano ma che sicuramente farà molto parlare di sè. Compositore, polistrumentista e graphic designer 26enne, unisce la musica elettronica alla sperimentazione andando a pescare dall’indie-rock e dal jazz senza porre limiti alla musica.

Giovedì 1 luglio era previsto il concerto dei britannici Shame che purtroppo per restrizioni legate al Covid non potranno esibirsi.

Ma la serata prevedeva e conferma la presenza dei Massimo Volume, per l’unica data italiana di quest’estate. Ad aprire la serata ci penseranno invece i Soviet Soviet. Si paserà quindi dal post-punk della band marchigiana al rock di una band storica del panorama italiano, attiva dal 1991.

Udite udite: la data sarà a ingresso gratuito tramite prenotazione su Eventbrite. Per questioni organizzative, chi aveva già preso il biglietto deve fare comunque richiesta per l’ingresso gratuito alla serata!

Sabato 3 luglio l’apertura è affidata a Generic Animal con il suo rap sghembo e malinconico e a seguire Mecna con il suo rap-cantautorato ispirato e sofisticato.

Il gran finale sarà domenica 4 luglio con il vero sovrano del nu-soul Venerus e, prima di lui, la straordinaria miscela sonora di Laila Al Habash.

Ho volutamente saltato la data di venerdì 2 luglio in cui il pop psichedelico dei Post-Nebbia scalderà la platea per l’arrivo de La Rappresentante di Lista. La band capitanata da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina ha rilasciato da pochi mesi un’altra pietra miliare della musica italiana: My Mamma, di cui vi parlammo all’uscita.

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con La Rappresentante di Lista per farci raccontare l’emozione del ritorno sui palchi di fronte ad un pubblico di “alieni” seduti ma scatenati.

L’intervista è in onda oggi 30 giugno alle 16.30 su Radio Città Fujiko

“Nonostante il successo nelle radio abbiamo un’indole indipendente cucita addosso”

Potrebbe essere un'immagine raffigurante fiore e testoQuando fai un nuovo disco, la presentazione ad un pubblico è un passaggio necessario” ci dicono raccontando le emozioni delle prime date (Arezzo e Verona) e la difficoltà di scatenarsi di fronte ad un pubblico seduto.

Reduci dal festival di Sanremo con il brano Amareabbiamo vissuto qualsiasi emozione ascrivibile al genere uamno in quei cinque giorni, abbiamo realizzato in quell’occasione chi siamo e che direzione vogliamo dare al nostro progetto.

 

“Nel nostro album parliamo di eredità, non solo di figli, ma di cosa lasciamo a chi viene dopo di noi, quale messaggio vogliamo lasciare.”

Ogni tanto ci chiediamo se alcuni temi che trattiamo non siano un po’ troppo per chi ci ascolta, ma poi ci rendiamo conto che il nostro compito come artisti è anche quello di parlare di certi temi e problematizzarli.”

Nel cercare i momenti più interessanti della nostra intervista a La Rappresentante di Lista mi sono accorto che avrei dovuto trascriverla in toto. Per non diventare prolisso vi invito caldamente ad ascoltare quello che Veronica e Dario ci hanno raccontato.