Carroponte rock punk con Flogging Molly e Dropkick Murphys

La ricetta è di quelle semplici: prendete l’atmosfera tipica dei veri pub irlandesi, aggiungeteci delle ottime band punk-rock. Ora amalgamate il tutto con una delle migliori location dell’estate milanese: eccovi servito il live dei Flogging Molly e dei Dropkick Murphys al Carroponte di Sesto San Giovanni.

Il parco nella periferia nord del capoluogo lombardo si trasforma per una sera in un angolo di Dublino, pronto a sprigionare l’entusiasmo tipico dei locali di Temple Bar. La serata si apre con il concerto degli Uncle Bard & the Dirty Bastards, band autoctona che predilige la musica tradizionale irlandese, legandosi al folk fatto di reels e ballate destinate alla danza. Un buon antipasto! Ma l’attesa è condensata sottopalco per l’attesa dei due gruppi principali, co-headliners della serata. Alle 20.45, puntuali come un vecchio irlandese al bancone del bar, ecco salire sul palco i Flogging Molly. Da subito parte l’energia del gruppo. La loro carica è entusiasmante, uno dei gruppi più trascinanti del panorama live internazionale: quando suonano loro è impossibile stare fermi! La setlist spazia dai loro pezzi più famosi, come “If i ever leave this world alive”, “devil dance floor” e l’immancabile “Drunk lullabies”, fino alle ballate più tranquille come “Float” o “The worst day since yesterday”. 

Dopo un’ora e mezza di carica, giusto il tempo per una birretta e per riprendersi ed ecco salire sul palco la seconda portata della giornata: Dropkick Murphys. La band americana alza subito i ritmi con pezzi carichissimi: “The Boys are back” e “Rebels whit a cause” su tutti. Il concerto scorre velocissimo e si chiude dopo un’abbondante ora e mezza senza scordare le canzoni più famose del gruppo. “The state of Massachussets” e “I’m shipping up to Boston”, resa celebre come colonna sonora del film “The Departed”.

La serata si conclude con un’inaspettata invasione di palco del pubblico, che si ritrova a cantare l’ultima canzone a braccetto con la band, tra bandiere irlandesi, magliette verdi, guinness e trifogli.