Bologna pronta per il XIX Future Film Festival: character wow!

Per il diciannovesimo anno a Bologna arriva il festival dedicato all’animazione. Nelle declinazioni cinematografiche, di videogaming e dei new media, la tecnologia e gli effetti speciali sono al centro della settimana di Future Film Festival. Nato nel 1999, questo festival si è presto conquistato il primo posto nel panorama delle manifestazioni specializzate.

In programmazione dal 2 al 7 maggio, il tema centrale di quest’edizione sarà Character wow! Ad anticipare l’inizio del festival, un appuntamento-anteprima: il 19 aprile è stato proiettato “7 minuti dopo la mezzanotte”, pellicola di J.A. Bayona, con Sigourney Weaver e Liam Neeson. La toccante pellicola ha fatto da apripistaa questa nuova edizione che quest’anno ruota intorno ad un tema molto interessante. Al centro del FFF gli organizzatori,  Giulietta Fara e Oscar Cosulich. hanno pensato di porre il personaggio. Ecco che le pellicole e le attività collaterali si sviluppano tutte intorno al tema della costruzione del personaggio. La domanda che fa da motore è: come si caratterizza un personaggio che si trasformi in icona?

In programma tantissime attività: le proiezioni, che si svolgeranno al Cinema Lumière e al Cinema Arlecchino, si dividono in tante sezioni. Oltre ai film in concorso, che concorrono per il Platinum Grand Prize, la sezione fuori concorso si affianca alla sezione short, dove sfileranno i cortometraggi. Per i nottambuli una selezione apposita intitolata Follie Notturne, e per i bambini FFKids. A fare da contorno gli eventi speciali, la comic zone, e due diversi focus. Negli spazi dell’accademia delle belle arti e del laboratorio delle arti si sviluppano focus on character wow e focus on apocalissi a basso costo. In entrambi i casi sarà possibile scegliere tra proiezioni, workshop e masterclass. C’è solo l’imbarazzo della scelta per le tante attività che si svilupperanno tra gli spazi della storica Cineteca di Bologna, le sale cinematografiche e gli spazi dell’accademia di belle arti, oltre alla galleria ONO arte contemporanea e alla Bottega Finzioni.

A giudicare i film presentati ed assegnare i riconoscimenti, la giuria composta da tre esperti: Arianna Finos, giornalista specializzata nel settore cinematografico, Filippo Vendemmiati, giornalista e regista di documentari e Michele Vannucci, regista di corto e mediometraggi.

Seguiremo per voi questa nuova edizione del festival, a breve in arrivo le nostre recensioni e i racconti sul campo!

Translate

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: